Modulo C1
Modulo C1

1C – RIFLESSOLOGIA PLANTARE

I° Parte

I concetti di riflessologia, visti nei corsi precedenti, vengono ampliati e riferiti alla “zona finita” del piede con l’integrazione delle cognizioni di energetica. Questa tecnica permette all’operatore di valutare gli sbilanciamenti del soggetto: fisiologici – funzionali – strutturali – ecc.;

Essa si basa su due trilogie:

  • La trilogia del lavoro sui riflessi INDIVIDUARE – INTERPRETARE - TRATTARE
  • La trilogia operativa COSA NON FARE – MIGLIORARE – STABILIZZARE il lavoro ottenuto con altre metodiche già utilizzate

Argomenti trattati:

Anatomia e fisiologia del piede – Supporti teorici delle tecniche riflesse – Costruzione della mappa dei piedi – L’indagine riflessa – Il trattamento del piede – Riflessologia in estetica.
Modulo C2
Modulo C2

2C – RIFLESSOLOGIA PLANTARE

II° Parte

La natura del corso consiste nell’avanzamento degli argomenti trattati nel corso precedente (1C) con l’approfondimento di tecniche di intervento specifiche e finalizzate al riequilibrio funzionale dei grandi sistemi.

Argomenti trattati:

Relazione mano piede – Dinamiche dello scheletro del piede – Relazioni con le LOGGE ENERGETICHE e relativi aspetti – Gli inestetismi in rapporto agli sbilanciamenti del piede – Trattamento per “aspetti”.

Modulo C3

3C – 4 DIAFRAMMI

I° Parte (Riequilibrio dei ritmi e delle armonie)

Il corso presenta un insieme di tecniche manuali molto sofisticate che uniscono la precisione scientifica alla elaborazione analogica energetica al fine di armonizzare le strutture fisiche (4 diaframmi) che sovrintendono all’armonia dei ritmi corporei. L’obiettivo è quello di entrare nella organizzazione neuro-posturale dell’individuo con l’ausilio di manualità molto soffici e leggere (morbide), per ricercare un miglioramento della dinamica dei liquidi e quindi un riequilibrio metabolico ed emuntorio.

Questo approccio consente di rilevare in maniera precisa gli adattamenti che l’organismo ha elaborato per garantirsi un nuovo equilibrio funzionale in risposta a sbilanciamenti fisico-funzionali (delle strutture) o emozionali (delle posture).

Argomenti trattati:

I ritmi del corpo – Energetica – Ritmi e strutture – Anatomia dei 4 diaframmi – La respirazione – Dinamica dei liquidi – Metabolismo e funzione emuntoria – Tecniche di sblocco dei Diaframmi e delle Saracinesche – Trattamento specifico di riequilibrio strutturale e funzionale.

Modulo C4

4C – 4 DIAFRAMMI

II° Parte (Riequilibrio dei ritmi e delle armonie)

Con questo intervento viene presentato un approfondimento del primo livello con nuove tecniche e nuovi approcci teorico-pratici. Viene ulteriormente e più specificatamente definito il ruolo della FASCIA ed i collegamenti con il Sistema Nervoso ed Endocrino.

L’obbiettivo è quello di migliorare i rapporti e le relazioni tra i vari comparti (e gli organi in essi alloggiati) per esaltare, in definitiva, la dinamica dei liquidi così legata sia agli aspetti fisici (fisiologia) che a quello emozionali (mente – psiche – spirito).

Argomenti trattati:

Ritmi ed armonie – Metabolismo e funzione emulatoria – Ruolo dei Diaframmi nell’evoluzione dell’essere umano – La respirazione – Collegamenti cranio sacrali – Indicazioni pratiche di intervento in cabina.
Modulo C5

5C – MASSAGGIO VISCERALE

I° Parte (Intervento sul distretto addominale e problematiche del ciclo)

Lo studio è incentrato particolarmente sull’analisi anatomo-fisiologica degli organi contenuti nella camera addominale. Il massaggio si avvale di un insieme di tecniche specifiche che permettono di intervenire sui sintomi viscerali dipendenti da alterazioni posturali. Ciò consente di migliorare la normale fisiologia degli organi, la circolazione e le relazioni di movimento con le strutture limitrofe.

Argomenti trattati:

Anatomia funzionale e topografica del distretto addominale – Fascia Peritoneale – Il motore diaframma e la resistenza perineo – Sbilanciamenti funzionali degli organi addominali ed inestetismi – Energetica – Trattamento specifico di riequilibrio funzionale.
Modulo C6

6C – MASSAGGIO VISCERALE

II° Parte (Intervento sul distretto addominale e problematiche del ciclo)

Lo studio si propone di qualificare ulteriormente l’intervento sul comparto addominale con una puntuale analisi delle relazione tra i visceri, organi e le dinamiche generali. In particolare viene approntato l’argomento relativo all’apparato genitale femminile ed alle problematiche del ciclo, in riferimento anche agli inestetismi connessi.

Argomenti trattati:

Rapporti tra i visceri e le circolazioni (sanguigna e linfatica) – Fisiologia del ciclo ormonale femminile e relazioni con le altre grandi funzioni – Sbilanciamenti della normale fisiologia del ciclo – Fisiologia generale del comparto addominale e relazioni con gli inestetismi.